Recupero del calore residuo da un gruppo elettrogeno alimentato a biogas

Come combustibile, il biogas è notevolmente consigliabile.

È un combustibile rinnovabile prodotto abbattendo la materia organica attraverso il processo di digestione anaerobica (AD). Riduce la quantità di rifiuti inviati in discarica e aiuta a controllare l’emissione di gas metano nell’atmosfera (il metano è significativamente più dannoso per l’ambiente rispetto al CO²). Il biogas è anche un carburante adatto per gruppi elettrogeni a motore ed è a emissioni zero.

Quindi non sorprende che il biogas sia ampiamente utilizzato per generare energia mentre il mondo cerca di ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili per ridurre le emissioni di CO².

Se la storia finisse qui, sarebbe una buona storia; ma sarebbe solo metà della storia, perché generare gruppi che creano elettricità è generalmente inefficiente. Solo circa il 30% di tutta l’energia del combustibile che arriva al generatore viene convertita in energia. Quasi il 50% viene convertito in calore e perso nell’atmosfera. Solo recuperando l’energia termica dal flusso di scarico dei motori si fornisce una fonte di energia aggiuntiva, senza costi aggiuntivi in termini di carburante richiesto!

Quindi perché non recuperare questa preziosa fonte di energia? Uno dei motivi potrebbe essere il carburante stesso. Il biogas è un carburante estremamente aggressivo e richiede un attento controllo della temperatura del gas di scarico. Se il sistema è troppo freddo, i componenti fabbricati in acciaio al carbonio possono corrodersi, come gli scambiatori di calore dei gas di scarico, causando guasti prematuri e spese per la sostituzione dell’unità.

La buona notizia è che gli scambiatori di calore a gas esausto Bowman, realizzati interamente in acciaio inossidabile 316L, offrono una soluzione di lunga durata per il recupero del calore di scarto dal biogas, grazie alle specifiche dei materiali e all’alta qualità del processo di produzione.

Prodotto nel Regno Unito, ogni componente è progettato per durare a lungo, anche se utilizzato con carburanti aggressivi come il biogas e, di conseguenza, gli scambiatori di calore dei gas esausto Bowman offrono una durata molto più lunga grazie alla qualità della loro costruzione.

Ad esempio, i tubi di raffreddamento subiscono un processo di installazione in due fasi, assicurando che siano fissati in modo permanente nella piastra del tubo: prima vengono espansi a rullo sulla piastra del tubo e quindi saldati automaticamente in posizione, creando una saldatura sicura che è totalmente coerente su ogni tubo nello scambiatore di calore. Tutte le flange del coperchio terminale e le flange laterali dell’involucro sono PN6 secondo BS EN1092 per facilitare l’installazione.

Gli scambiatori di calore a gas esausto Bowman sono anche facili da pulire: una considerazione importante quando si utilizza un combustibile come il biogas, dove possono rimanere residui dopo la combustione. Sono inoltre disponibili in un’ampia gamma di dimensioni e specifiche, per soddisfare le applicazioni da 16 kW a 1 MW, mentre il software di selezione assistita da computer consente a Bowman di raccomandare le giuste specifiche per ogni applicazione.

La qualità e le prestazioni degli scambiatori di calore a gas esausto Bowman hanno già portato alla loro selezione da numerosi impianti AD, in sostituzione delle unità guaste originariamente fornite da altri. Il loro design compatto consente loro di essere facilmente adattati in modo retrò agli impianti esistenti, rendendo le unità Bowman una scelta popolare per la sostituzione del biogas.

Per ulteriori informazioni, scaricare la brochure o contattare il team tecnico di vendita al numero +44 (0) 121 359 5401 o via e-mail all’indirizzo [email protected]